accedi - esci

L’accesso ad ulteriori approfondimenti è consentito solo agli utenti registrati.

Per effettuare la registrazione cliccare su ...

... e seguire le indicazioni.

Messaggio

Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possiamo mettere questi tipi di cookies sul suo dispositivo.

Archivio materiali e Download > tutti gli articoli

Questa sezione "Archivio materiali e Download " consente di visionare e, in alcuni casi, scaricare articoli ed altri documenti relativi alla disabilità e ai principali modelli di intervento educativo. L'obiettivo è quello di informare gli insegnanti e gli educatori sulle principali strategie di lavoro adottabili e di mettere a loro disposizione materiali operativi non coperti da copyright.

La visualizzazione dell'intero archivio materiali è riservata agli utenti registrati.

 

Autismo e diagnosi: le novità introdotte dal DSM-V

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampa

Archivio Materiali e Download - autismo

Scritto da Redazione Giovedì 21 Agosto 2014 08:32

La diagnosi di autismo viene solitamente formulata facendo riferimento alle due principali classificazioni internazionali dei disturbi mentali: il DSM - Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders (Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali) e l’ICD - International Classification of Diseases (Classificazione Internazionale dei Disturbi e delle Malattie) dell’OMS - Organizzazione Mondiale della Sanità (Ballerini, 2013; Vivanti, 2014).
Fino alla penultima edizione del DSM le due classificazioni coincidevano sostanzialmente nei criteri diagnostici per l’autismo, mentre con il DMS-V (APA, 2013), la nuova edizione del DSM pubblicata nel maggio del 2013, sono stati introdotti numerosi cambiamenti, per cui i criteri diagnostici per l’autismo ora si differenziano in maniera consistente rispetto a quelli dell’ultima versione dell’ICD, l’ICD-10 (WHO, 1994).

 

Leggi tutto...

 

Abilità sociali e disabilità intellettiva: il training sulle competenze assertive

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampa

Archivio Materiali e Download - disabilità intellettiva

Scritto da Lucio Cottini Domenica 30 Settembre 2012 15:50

Affrontare le problematiche relazionali e comportamentali di soggetti con disabilità mentale soltanto attraverso l’utilizzo di tecniche di contenimento è sicuramente riduttivo.  Un intervento che voglia risultare efficace deve anche promuovere l’acquisizione di abilità sociali (competenze assertive), che possano sostituire modalità inadeguate di affrontare relazioni interpersonali.  Il presente lavoro descrive un intervento sperimentale finalizzato a promuovere atteggiamenti positivi verso se stessa da parte di una ragazza affetta da disabilità intellettiva.

 

   

Bullismo: scheda di presentazione

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampa

Archivio Materiali e Download - disturbi della condotta

Scritto da Redazione Giovedì 28 Luglio 2011 07:53

Il bullismo, dall’inglese bullying, si caratterizza come una situazione relazionale in cui sono presenti un soggetto prevaricatore, il bullo, ed un soggetto prevaricato, la vittima, tra i quali c’è uno squilibrio di potere, per cui uno si sente tanto potente da dominare, sicuro di sé e superiore ad un altro, che si sente così debole da non riuscire a ribellarsi; quest’ultimo sperimenta di solito un forte senso di impotenza, di svalutazione e di emarginazione.

Leggi tutto...

 

I deficit uditivi: scheda di presentazione

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampa

Archivio Materiali e Download - deficit sensoriali

Scritto da Redazione Venerdì 10 Giugno 2011 15:55

I deficit uditivi vanno innanzitutto distinti in sordità e sordomutismo. La sordità rappresenta una malattia dell'orecchio che si manifesta con la perdita parziale o totale dell'udito, ma che non si accompagna alla mancanza della facoltà di parlare e apprendere una lingua, che caratterizza invece le persone sordomute, le quali non possono né sentire, né comunicare verbalmente (solitamente a causa di una mancata acquisizione del linguaggio orale). E’ per tale motivo che attualmente il termine sordo viene sempre più spesso sostituito con quello di audioleso o ipoacusico (che presenta sordità parziale).

Leggi tutto...

   

Pagina 1 di 6