accedi - esci

L’accesso ad ulteriori approfondimenti è consentito solo agli utenti registrati.

Per effettuare la registrazione cliccare su ...

... e seguire le indicazioni.

Messaggio

Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo sito web utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzioni. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta che possiamo mettere questi tipi di cookies sul suo dispositivo.

Progetto EAN - European Antibullying Network

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampa

Esperienze di qualità - disturbi della condotta

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La diffusione incrementale del bullismo è sintomatica dell’incapacità della società di affrontare efficacemente il fenomeno e di garantire la tutela dei diritti dei minori.

Il progetto EAN mira a:
analizzare le origini sociali e le dimensioni del fenomeno, sviluppare una strategia concreta ed europea di prevenzione e lotta al bullismo, sostenere la partecipazione attiva dei minori, attraverso iniziative concrete che li coinvolga direttamente.

I diretti beneficiari del progetto sono i minori vittime di bullismo sia all’interno del loro ambiente scolastico che in un più ampio contesto sociale, ma anche gli autori di atti di bullismo e i cosiddetti “osservatori”.

I beneficiari indiretti sono gli insegnanti, i genitori, le agenzie governative, gli enti pubblici, le NGO, ai quali sono rivolti alcuni dei risultati del progetto.

Il progetto coinvolge 17 partner di 12 Stati membri dell'Unione Europea e ha un suo sito ufficiale, disponibile anche nella versione italiana (www.antibullying.eu).

 

A livello locale, COOSS Marche ha contribuito alla campagna di sensibilizzazione attraverso un progetto concreto di intervento, in collaborazione con il Comune di Ancona e l’istituto Comprensivo “Quartieri Nuovi” – Scuola Rodari.

In particolare il progetto denominato “Leaderbus” si è rivolto ai ragazzi che usufruiscono del servizio Scuolabus della scuola primaria con l'obiettivo di combattere gli episodi di bullismo che si verificano durante il trasporto degli alunni nello scuolabus, favorendo la capacità di gestire efficacemente e creativamente gli aspetti conflittuali attraverso la promozione del concetto di leadership positiva: trasformare i comportamenti prevaricativi in potenzialità positive, che contribuiscano a creare un ambiente partecipativo.

Il progetto LEADERBUS ha proposto un’azione pilota con i 34 ragazzini che usufruiscono quotidianamente di uno scuolabus (una tratta specifica), coinvolgendoli in attività educative proposte dalla compagnia teatrale “Fuori copione”, basate sulla drammatizzazione e la raffigurazione grafica di alcuni episodi di bullismo che si possono verificare durante il tragitto.

 

Per ulteriori informazioni sul progetto LEADERBUS e sulle attività formative svolte con i ragazzi, rivolgersi a:

Francesca Cesaroni – Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo